Umbria

Il tempo si è fermato in questa regione unica ed irripetibile dell’Umbria . 
Il verde delle valli e gli antichi borghi conservano paesaggi immersi tra le sue colline, monti e valli. Tutto ciò nel cuore della nostra bella Italia, fino ad estendersi al bacino del Tevere. 
Ma anche il Trasimeno (lago più grande dell’Italia Centrale, che custodisce nel suo territorio i resti di insediamenti etruschi), trasmette col suo fascino tranquillità e pace al visitatore che viene in questa Regione.. 
Di contro, nei pressi di Terni, vi sono le mastodontiche Cascate delle Marmore (che richiamano visitatori da tutta l’’Europa) che, dopo uno spettacolare salto di 165 metri (tra i più alti d’Europa), si tuffa nel fiume Nera con una portata di 15 metri cubi d’acqua al secondo. Il Nera è anche meta di sportivi amanti di canoa e kayak.

Chi vuole visitare Terni, anche conosciuta come città dell’acciaio, a cui ha legato la sua storia, avrà la sorpresa di sapere che essa è anche la città di San Valentino (protettore degli innamorati). Infatti, oltre ad essere il santo patrono di Terni, nella sua basilica sono conservate le sue spoglie. Per questo motivo è meta continua di pellegrinaggi. Per questo motivo ogni anno la città dedica importanti eventi al suo Santo, i quali culminano nella festa del 14 febbraio. 

Panoramic view of the historic town of Assisi on a beautiful sunny day with blue sky and clouds in summer, Umbria, Italy

Vicino a Terni sorge Orvieto, famosa per il suo spettacolare Duomo ed i palazzi nei vicoli medievali, nonché per il bellissimo “Pozzo di San Patrizio”, opera architettonica di grande valore. Fu il Pontefice Clemente VII che, scappato da Roma, dove ci fu il “sacco di Roma”, cioè fu invasa dai Lanzichenecchi e si rifugiò ad Orvieto nel 1527. Qui commissionò ad Antonio da Sangallo la costruzione di tale pozzo che doveva servire per conservare un grosso quantitativo di acqua in caso di assedio della città di Orvieto. Tale magnifica opera ingegneristica è profonda 52 metri ed è visitabile.

Beautiful view of the old town of Orvieto, Umbria, Italy

 
Tra tutte queste bellezze dell’Umbria spicca  Assisi, città dove è nato San Francesco, patrono d’Italia, e Santa Chiara. Altro bellissimo centro medievale umbro è Gubbio, la città più antica dell’Umbria e borgo medievale pittoresco, legato anch’esso alla vita di San Francesco per l’episodio del Lupo Affamato (Un vecchio lupo, rifiutato dal branco, si aggira affamato nel bosco,  compiendo razzie di bestiame. Gli uomini non riescono a catturarlo ed allora chiedono aiuto a frate Francesco, che promette di avvicinare lupo. Ma, l’animale è sulle sue tracce. Francesco, stanco si addormenta, il lupo si avvicina, lo annusa e, invece di sbranarlo, lo lecca come un cucciolo).

90817964 – marmore falls, a waterfall nestled in a green forest on a beautiful summer day (cascata delle marmore, umbria, italy)

Gubbio ha il centro storico che è un vero gioiello. Come anche le spettacolari  feste folkloristiche della Corsa dei Ceri ed il Palio della Balestra ricordano i suoi antichi fasti . 
Le province dell’Umbria sono: Perugia (capoluogo) e Terni. Il fascino di questa regione  nasce dalla fusione tra arte, natura, pace e serenità.
Come non ricordare Spoleto, città che vanta una storia millenaria, di cui ancora si conserva l’architettura medioevale e rinascimentale. Tra i maggiori spettacoli, vi è il il Festival dei due Mondi, manifestazione artistico-culturale: grande di alta qualità musicale.
Una visita alla città medioevale di Assisi, insignita dall’Unesco  “Patrimonio Mondiale dell’Umanità” per il suo  “insieme di capolavori del genio creativo umano”. Qui tutto parla di San Francesco, dalla Basilica con la tomba del Santo, all’Eremo delle Carceri, dove San Francesco si ritirava in preghiera. Assisi, molto accogliente e festosa, tra le riserva il  Calendimaggio (rievocazione storica che trasforma la cittadina in antico borgo medioevale popolato da cavalieri, dame, arcieri e sbandieratori ). Perugia è anch’essa una città di antiche origini, con il centro storico  con un patrimonio museale tra i più ricchi d’Italia. E’ anche un grosso centro culturale, con due università e con manifestazioni di eco internazionale, che  ne fanno una città cosmopolita di grande interesse turistico.

La Via Francigena di San Francesco, da percorrere a piedi, attraversa quasi l’intera Umbria, incontrando diverse strutture ricettive dove dormire e sostentarsi. 
Obbligatoria anche una visita ad uno dei tanti frantoi sparsi sul territorio; un modo per conoscere la grande cultura dell’olio DOP Umbro. Famose, anche, le prelibate salsicce e prosciutti e salumi di Norcia. Dai gusti decisi anche i formaggi, tra questi degni di nota sono il pecorino stagionato, i caprini freschi o stagionati. Degno di nota sono anche i tartufi. La varietà più diffusa è quella del tartufo nero, molto apprezzato come condimento per la pasta e con la selvaggina.

Famous Basilica of St. Francis of Assisi (Basilica Papale di San Francesco) at sunset in Assisi, Umbria, Italy

Ovviamente non può mancare una visita a Perugia, il capoluogo di Regione e città metropolitana dell’Umbria.  Qui si trovano vicoli medievali in cui perdersi, panorami mozzafiato e salite per giungere in Piazza IV Novembre, dove si ammira la celebre Fontana Maggiore, la Cattedrale di San Lorenzo e il Palazzo dei Priori. Tanti i locali di Corso Vannucci in cui dissetarsi, meta dello struscio e della movida. Si arriva alla fine a Rocca Paolina, una fortezza che fino al tardo Ottocento fu simbolo dell’autorità papale. No si può lasciare la città senza aver mangiato un bacio artigianale, il dolce che qui è nato.

Passignano : per chi dovesse amare una passeggiata in barca è consigliato questo paese che sorge sul promontorio della sponda settentrionale del Lago Trasimeno. Splendido e dove fare una passeggiata è d’obbligo. Dopo aver visitato la sua rocca, si va con un piccolo traghetto nel mezzo del lago e sull’Isola Maggiore. Una bellissima escursione da non perdere.

Confrontare