Visita l'Umbria!

L'Umbria offre le seguenti tipologie di soggiorno:

  • Città 20% 20%
  • Mare 1% 1%
  • Montagna 99% 99%
  • Campagna 50% 50%
  • Borghi 99% 99%
  • Laghi 99% 99%

La regione Umbria, unica nel suo genere, appare al turista come una terra in cui il tempo si è fermato.
Il verde delle valli e gli antichi borghi trasmettono pace, tranquillità e paesaggi immersi tra le sue colline, i monti e le valli. La terra di San Francesco ci parla sottovoce.

Bellissima è la tranquillità ed gli stupendi paesaggi fatti di colline, monti e valli. Questa è la terra di San Francesco e la Regione conosciuta come “il cuore dell’Italia”, compresa tra la Toscana, le Marche, l’Umbria, l’Abruzzo ed il Lazio, fino all’alto bacino del Tevere. Il suo Lago Trasimeno (il più grande dell’Italia Centrale, che ancora custodisce i resti storici degli insediamenti etruschi)  trasmette tranquillità e pace al visitatore che viene in questa Regione.

Tutto ciò si trova nel cuore della nostra bella Italia, tra la Toscana, le Marche e fino all’alto bacino del Tevere.  Ma anche il Trasimeno (il lago più grande dell’Italia Centrale, che custodisce i resti di insediamenti etruschi), trasmette tranquillità e pace al visitatore che viene in questa Regione. Contrariamente, vicino TERNI, vi sono le mastodontiche Cascate delle Marmore (dove affluiscono visitatori da tutta l’’Europa) che, dopo uno spettacolare salto tra i più alti d’Europa (circa 165m.), si tuffa nel fiume Nera con una portata di 15 metri cubi d’acqua al secondo. Il Nera è anche meta di sportivi amanti di canoa e kayak.

Visita: "Città"

 

Ti interessa questo tipo di soggiorno? Trovi le soluzioni disponibili per “Città” in Umbria in fondo a questa scheda.

 

PERUGIA è una città italiana di circa 167.000 abitanti, nonché Capoluogo della Regione Umbria. È famosa per le sue mura difensive intorno al centro storico. I palazzi antichi risalgono quasi tutti all’epoca medievale. Tra essi il Palazzo dei Priori, sede di un’importante raccolta di opere d’arte. La sua cattedrale è gotica ed affaccia su piazza IV Novembre. Ospita molti affreschi e dipinti rinascimentali. Nel centro di questa piazza vi è la famosa Fontana Maggiore, in marmi con bassorilievi che raffigurano i segni zodiacali e scene della Bibbia. Il verde delle valli e gli antichi borghi trasmettono pace.

 

1)Fontana Maggiore in Piazza IV Novembre a Perugia; 2) Panorama di Perugia

 

 

Agriturismo “CAI LUCA” – Pietralunga (PG) : da vedere> è tra Umbertide, Gubbio e Città di Castello; oltre Arezzo; Perugia e le belle colline Umbre.

B&B Casa Berti – Spello (PG): da vedere > è tra Foligno – Assisi e S.Maria degli Angeli; oltre ad essere stesso Spello un Comune da non tralasciare.

Agriturismo “Casa Graziani” – Città della Pieve (PG) : da vedere > Questa struttura, oltre a mostrare la stessa Città della Pieve, è al centro di molte località belle dell’Umbria, quali Fabro, San Casciano dei Bagni, Chianciano Terme, Perugia, Assisi, Radicofani, nonché il Parco Regionale del Trasimeno.

B&B Un Petit Paradise – Marsciano (PG): da vedere> Oltre a godere delle bellezze della stessa Marsciano con i suoi 1.000 anni circa, della visita di Castello Monte Vibiano Vecchio e Nuovo, il Centro Ippico, il turista potrà visitare le belle località di Deruta, è possibile visitare la Scarzuola, il Museo del Vino, il Castello di Montegiove, il Lago Trasimeno; il fiume Tevere; il Parco del Sole (per i bimbi) vicino Perugia.

 

TERNI, invece, si presenta al turista con la mastodontica “Cascate delle Marmore”, e, dopo un salto spettacolare di 165m. (tra i più alti d’Europa), si tuffa nel fiume Nera trasportando con sé 15 metri cubi d’acqua al secondo. Il Nera, però, è anche meta di molti sportivi locali e turisti, amanti di canoa e kayak.

 

1)Cascate delle Marmore; 2)Prosciutto di Norcia

 

Non lontano da Terni vi è NORCIA, un altro Comune dalle notevoli bellezze edili e paesaggistiche, ma molto famoso per i prodotti culinari del tartufo e del prosciutto di maiale, conosciuti in tutta Europa.

 

ORVIETO,famosa per lo spettacolare Duomo ed il bel Centro Storico con i palazzi medievali del Centro Storico conservato in vicoli caratteristici. E, per finire, il bellissimo “Pozzo di San Patrizio”, opera architettonica di grande valore artistico ed ingegneristico, commissionata dal Pontefice Clemente VII che, scappato da Roma che nel 1527 perché invasa dai Lanzichenecchi, si rifugiò ad Orvieto, dove commissionò ad un ingegnere la costruzione del pozzo, in cui conservare un quantitativo molto grosso di acqua in caso di assedio di questa città. Tale magnifica opera ingegneristica è profonda 52 metri ed una capienza di 1750mc., è visitabile fino al fondo attraverso un particolare sistema di due scale (una scende l’altra sale), per evitare che i muli che andavano giù a prendere l’acqua potessero incrociarsi .

 

1)Pozzo di S. Patrizio; 2)Duomo di Orvieto

 

Agriturismo Borgo Santa Maria – Monteleone (Orvieto) : da vedere > Certamente necessita una visita ad Orvieto, al suo Duomo ed al Pozzo di San Patrizio. Se al seguito vi sono i bimbi, si consiglia una visita anche alla vicina Bomarzo con le sue fantasiose e spaventose architetture; alle Grotte di Castro ed al Lago di Bolsena; a Todi; al Parco Fluviale del Tevere.

 

Un altro sito a ci non si può rinunciare è la magnifica città medioevale di ASSISI, insignita dall’Unesco “Patrimonio Mondiale dell’Umanità” per il suo  “insieme di capolavori del genio creativo umano”, tra cui Giotto, parzialmente perduti in seguito al terremoto del 1997. Qui tutto parla di San Francesco, dalla Basilica con le spoglie del Santo custodite dal 1230, all’Eremo delle Carceri, dove San Francesco si ritirava in preghiera. Ma oltre a San Francesco, ad Assisi vissero altre due sante, le sorelle Chiara ed Agnese, entrambe elette Sante che, seguite dalla sorella minore Beatrice e dalla madre Ortolana, vissero ad Assisi e morirono a Firenze dove avevano fondato un monastero delle Clarise. Molto accogliente e festosa, tra le riserve il  Calendimaggio (rievocazione storica che trasforma la cittadina in antico borgo medioevale popolato da cavalieri, dame, arcieri e sbandieratori ).

 

Assisi

 

Altri comuni belli dell’Umbria sono .

GUBBIO, in provincia di Perugia con la magnifica piazza Grande, il Palazzo gotico dei Consoli, il Palazzo Ducale e le tante chiese nel suo centro. Salendo fino alla Basilica di Sant’Ubaldo si godrà di una vista spettacolare. Il giorno 15 maggio di ogni anno c’è la tradizionale corsa dei Ceri, una festa patronale che ravviva le strade della città. In alternativa è possibile fare tre giri di corsa intorno alla cinquecentesca “Fontana dei Matti”, come da tradizione  locale, si otterrà la personalissima “patente del matto”.

SPELLO è uno dei i più bei borghi d’Italia. In totale relax si passeggerà tra i vicoli, ammirando i balconcini fiorati. Una passeggiata in questo splendido paesino, infatti, equivale a una ventata di aria fresca (e profumata di piante!): non è un caso, infatti, se ogni anno qui si svolgono le cosiddette infiorate di Spello, una manifestazione per il Corpus Domini in cui sono realizzati tappeti e quadri fatti di petali di fiori che assomigliano più a opere d’arte che a semplici decorazioni.

 

B&B Casa Berti – Spello (PG): da vedere > è tra Foligno – Assisi e S.Maria degli Angeli; oltre ad essere stesso Spello un Comune da non tralasciare.

 

FOLIGNO neanche qui mancano chiese e palazzi storici. La piazza principale della Repubblica è un concentrato di edifici cinquecenteschi come il Duomo, l’edificio comunale e palazzo Trinci. A giugno e settembre c’è la giostra della Quintana (un torneo cavalleresco in costume che prevede che i cavalieri, armati di lancia, si lanciavano contro un fantoccio per infilare l’anello sospeso in una mano del fantoccio. In quest’occasione si aprono fuori orario le taverne e le trattorie locali dove gustare i piatti tipici del Medioevo.

TODI, elegante e riparata da tre cerchie di mura (etrusche, romane e medievali), Todi domina la valle del Tevere dall’alto della sua collina. Una volta arrivati andare in Piazza del Popolo, cuore della cittadina e luogo da cui godere una delle più belle vedute di sempre. Visitare le cisterne sottostanti la piazza.

 

Agriturismo “Casa Graziani” – Città della Pieve (PG) : da vedere > Questa struttura, oltre a mostrare la stessa Città della Pieve, è al centro di molte località belle dell’Umbria, quali Fabro, San Casciano dei Bagni, Chianciano Terme, Perugia, Assisi, Radicofani, nonché il Parco Regionale del Trasimeno.

 

SPOLETO qui si incrociano l’epoca romana e quella medioevale: non solo siti storici da visitare, ma anche kermesse che ravvivano questa località con cultura e musica. L’evento annuale più importante, che richiama qui migliaia di visitatori, è il Festival dei Due Mondi, un tripudio di concerti, spettacoli teatrali, operistici e di danza che vi metterà subito di buon umore !

 

Ti interessa questo tipo di soggiorno? Qui trovi le soluzioni disponibili per “Città” in Umbria.

Nessun elemento trovato
Visita: "Campagna"

 

Ti interessa questo tipo di soggiorno? Trovi le soluzioni disponibili per “Campagna” in Umbria in fondo a questa scheda.

 

NORCIA – Tra il mese di maggio e il mese di luglio i pascoli verdi monocromatici delle zone di Norcia vengono colorati da sfumature bellissime capaci di emozionare chiunque assista a questo spettacolo naturale che vede tingere il territorio di giallo ocra, rosso, viola, blu e bianco: è il risultato delle migliaia di fiori che crescono fra le piane, in particolare papaveri, genzianelle, narcisi, violette, asfodeli, trifogli, acetoselle e le lenticchie coltivate a Castelluccio, che sono fra i prodotti tipici più apprezzati.

Ti interessa questo tipo di soggiorno? Qui trovi le soluzioni disponibili per “Campagna” in Umbria.

Nessun elemento trovato
Visita: "Borghi"

 

Ti interessa questo tipo di soggiorno? Trovi le soluzioni disponibili per “Borghi” in Umbria in fondo a questa scheda.

PIETRALUNGA – Il borgo di Pietralunga affascina i visitatori per lo spendore della natura che lo circonda, ma anche per la storia e le tradizioni che hanno caratterizzato questa zona. Il territorio del borgo comprende anche la foresta demaniale di Pietralunga-Bocca Serriola, uno tra i più vasti complessi boschivi d’Italia. All’interno della foresta sono presenti due oasi: l’Oasi di Varrea e l’Oasi di Candeleto.

Addentrandoci nel centro storico di Pietralunga si resta affascinati dalla maestosità del Castello, di origine longobarda, di cui è visibile l’antica fortificazione. Le strade del centro sono molto caratteristiche e tra i palazzi principali ricordiamo il Palazzo Fiorucci, il Palazzo Comunale, il Palazzo del Capitano del Popolo, il Palazzo dell’Orologio. Inoltre sono ancora presenti case di personaggi illustri dell’epoca, tra cui casa dei Felicchi e dei Bonori, la casa degli Urbani e quella dei Martinelli.

Tra le cose da vedere dobbiamo citare il convento di Sant’Agostino che oggi ospita la Biblioteca Comunale, e l’Antico Ospedale, oggi sede dell’Archivio Storico di Pietralunga. Tra le chiese più importanti menzioniamo la Chiesa Parrocchiale Pieve di Santa Maria e, fuori le mura, il Santuario della Madonna dei Rimedi, la chiesa di Santa Maria delle Grazie e, a 12 chilometri da Pietralunga, la Pieve de’ Saddi.

Come abbiamo già sottolineato in precedenza, Pietralunga fa parte del sentiero Francescano. Questo itinerario di spiritualità ripercorre il tragitto fatto più volte da San Francesco da Assisi alla Verna.

 

MONTELEONE D’ORVIETO – E’ un territorio molto particolare quello in cui si trova Monteleone d’Orvieto in quanto si sviluppa lungo il confine di tre regioni: Lazio, Umbria e Toscana. Il fatto di essere in un certo senso in ‘una terra di confine’ lo si nota sia dall’accento dei suoi abitanti, che tende più al toscano che all’umbro, e dall’architettura delle sue costruzioni. Qui non prevale il travertino, ma il mattone, e le dolci colline che disegnano il paesaggio sono molto simili ai paesaggi della provincia toscana.

 

Ti interessa questo tipo di soggiorno? Qui trovi le soluzioni disponibili per “Borghi” in Umbria.

Un petit paradis
12 mesi ago

E’ in provincia di Perugia, nel cuore verde dell’Umbria, ed offre ai suoi ospiti unità abitative dotate di ogni comfort. Lasciatevi accarezzare dalla piacevolezza del vero italianway , dei suoi lenti ritmi, di profumi evocanti sensazioni di relax ed armonia, senza tralasciare, però, una passeggiata tra i campi di grano e giorasole, o per i […]

3
3
Visita: "Laghi"

 

Ti interessa questo tipo di soggiorno? Trovi le soluzioni disponibili per “Laghi” in Umbria in fondo a questa scheda.

 

CITTA’ DELLA PIEVE – Suggestiva cittadina medievale, adagiata su una collina a forma di altopiano tra i fiumi Nestore e Chiani, Città della Pieve ha dato i natali a uno dei più importanti pittori del Rinascimento italiano: Pietro Vannucci detto “Il Perugino”, maestro di Raffaello.

Protetti dalla torre civica e circondate dalle rosse mura erette all’inizio del XII secolo per proteggersi dai nemici, sorgono numerosi edifici civili e religiosi che meritano di essere visitati.

S. Maria dei Servi : costruita nel 1343,  molto importante per il suo interno in stile gotico, dove sono conservati quasi tutti gli affreschi del Perugino, nonché la sua opera maggiore “Deposizione della Croce”. Il Duomo : elevato a cattedrale nel 1600, è costituito da un’ unica navata a croce latina in cui sono custodite numerose opere attribuite a grandi artisti quali Ubertis, Tedesco, Alfani, Savieni e lo stesso Perugino. Ancora la Rocca, Palazzo Bandini, Palazzo della Corgna, S. Maria dei Bianchi in cui si trova “l’adorazione dei Magi” del Perugino e S. Agostino fuori le mura.

Per chi ama stare all’aria aperta suggeriamo invece una gita al Lago Trasimeno.

 

Ti interessa questo tipo di soggiorno? Qui trovi le soluzioni disponibili per “Laghi” in Umbria.

Nessun elemento trovato

Dai un’occhiata alla nostra gallery.

Basilica di San Francesco - Assisi (Umbria, Italia)

Piazza IV Novembre - Perugia (Umbria, Italia)

Spoleto (Umbria, Italia)

Preci (Umbria, Italia)

Orvieto (Umbria, Italia)

Spello (Umbria, Italia)

Spello, tappeti di fiori (infiorate)

Lago Trasimeno (Umbria, Italia)

Castiglione del Lago - Lago Trasimeno (Umbria, Italia)

Centro storico di Assisi - (Umbria, Italia)

Come arrivare

IN AUTO : Per chi proviene dal Nord : Autostrada del Sole A1 Firenze – Roma   

Per chi proviene dal Sud: autostrada uscite di: Orte – Attigliano – Orvieto – Fabro

Autostrada Adriatica A14  :  Per chi proviene dal Nord, uscite di: Rimini o Fano

Per chi proviene dal Sud, uscite di: Ancona Nord o Pescara 

Superstrada E45 Cesena – Orte 

IN AEREO: Aeroporto internazionale dell’Umbria ; Aeroporto Falconara Ancona ; Aeroporto A.Vespucci – Firenze; Aeroporto Internazionale L.da Vinci – Fiumicino; Aeroporto G. Galilei – Pisa;

Aeroporto Internazionale F. Fellini – Rimini.

BUS: Collegamenti giornalieri da e per Perugia con compagnia Sulga

IN TRENO: da Nord o da Sud a Bologna, o Firenze, o Roma 

I Migliori piatti locali.

1

Torta al testo

La torta al testo è tra i cibi più popolari dell’Umbria e rappresenta una buona alternativa per un pranzo veloce ma gustosissimo. Il testo è una pietra che viene posta sul camino o sulla brace e viene fatta riscaldare per cuocere la torta.
Provala tagliata a fette e farcita con prosciutto locale, formaggio, verdure ripassate… Semplicemente squisita!

2

Tartufo

Nella cucina umbra il tartufo è protagonista delle tavole di numerosissimi ristoranti. Le proprietà di questo prodotto vengono esaltate sapientemente dai cuochi locali, che lo amano utilizzare sia crudo che cotto.

3

Pasticcio di Jacopone

Altro primo interessante e particolare è il pasticcio di Jacopone, tipico della zona di Todi. Questa portata è composta da un grande raviolo che viene tagliato a fette e servito con un delizioso ragù. Il piatto prende il nome dal personaggio simbolo della città, Jacopone da Todi, poeta italiano e uomo di fede, tra i più conosciuti della regione insieme a San Francesco d’Assisi.

Articoli correlati all’Umbria.

Confrontare