Puglia

Questa Regione del Meridione d’Italia è stata culla di numerose civiltà antiche presenti lungo l’intero  territorio. E’ la più orientale della Penisola e confina con il Molise, la Campania e la Basilicata e bagnata dal Mare Adriatico e dal Mar Ionio. Il territorio è essenzialmente pianeggiante, salvo che per le zone collinari e montuose della Murgia.Ha il  maggiore sviluppo costiero; con tratti rocciosi, falesie e litorali sabbiosi. Al territorio pugliese appartiene anche l’arcipelago delle Tremiti, al largo della costa garganica. In tutta la Puglia il clima è tipicamente mediterraneo: le zone costiere e pianeggianti hanno estati calde, ventilate e secche e inverni miti. Le precipitazioni sono scarse e limitate all’autunno inoltrato e l’inverno. Questa Regione  è uno scrigno d’arte, storia e natura. È la terra del sole e dell’ospitalità nel lembo sudorientale d’Italia. Ha una posizione strategica nel cuore del Mediterraneo. Secoli di storia e paesaggi d’incanto rendono questo luogo unico per un viaggio in cui vivere esperienze indimenticabili. Il Mar Ionio e l’Adriatico abbracciano la Puglia, con ben 800 km di coste, con spiagge dorate che degradano in acque cristalline. Nell’entroterra, le vaste pianure ed i dolci rilievi sono il regno incontaminato della natura, dove ulivi e vigneti si alternano a boschi rigogliosi e sorprendenti canyon mediterranei, le gravine. Molte civiltà si sono avvicendate in Puglia, dagli antichi Greci ai Romani, Bizantini, Normanni, Svevi e Angioini. Preziose testimonianze di storia e cultura di popoli diversi, sono i reperti dal valore inestimabile portati alla luce in numerosi scavi archeologici e i tesori artistici e architettonici: chiese rupestri, castelli medievali, cattedrali barocche e romaniche, palazzi nobiliari e dimore storiche, borghi incantati e città d’arte, affascinanti masserie e casali.

      CITTA ‘DI BARI,Capoluogo della Regione

COME ARRIVARE IN PUGLIA

IN AEREO: In Puglia ci sono 2 scali : Bari Palese e Brindisi.   Per controllare le destinazioni e le compagnie aeree che operano in regione vedere sul sito aeroportidipuglia.itPer visitare la parte settentrionale della Regione conviene arrivare a Bari Palese. Lo scalo di Brindisi, invece, è più conveniente per la provincia di Taranto e per il  Salento .

IN BUS: Il servizio pubblico di Bus ti consentirà di partire direttamente dai terminal degli aeroporti o di altri punti della città e ti porterà nelle seguenti località: Torre dell’Orso ; Otranto ; Gallipoli ; Maglie ; Santa Cesarea Terme ; Castro Marina ; Porto Cesareo ; Tricase ; Santa Maria degli Angeli ; Riva degli Angeli

IN TRENO: Tutte le città della regione sono ben collegate con i mezzi pubblici.  Le Ferrovie dello Stato hanno rafforzato i collegamenti con la Regione. Le Frecce di Trenitalia, oltre che nelle stazioni di FoggiaBarlettaBariBrindisiTaranto Lecce fermeranno , nel periodo estivo, anche nelle stazioni di MonopoliOstuni FasanoTrenitalia per il periodo estivo, oltre ad aumentare le fermate, ha anche rafforzato le tratte attraverso alcuni rapidi collegamenti con la Frecciargento Lecce-Roma. La Puglia, oltre alle Ferrovie dello Stato, ha altre Compagnie che collegano le diverse province tra loro. Le Ferrovie del Gargano, ad esempio, collegano tutta la zona in provincia di Foggia fino ai Monti Dauni, nonché viaggi extraurbani verso Barletta-Andria-Trani. Da Bari, invece si snodano le Ferrovie del Sud Est e quelle Appulo Lucane, le quali servono rispettivamente la zona di Taranto e quella verso la vicina Matera.

VIA MARE: Il viaggio verso la Puglia non comprende solo bus, treni o aerei. È possibile arrivare anche via mare. Il porto di Bari e Brindisi, infatti, hanno collegamenti da e per l’Albania,  la CroaziaPatrassoCorfùCefalonia Zante con diversi operatori navali, che  raggiungono le 70 corse settimanali.

CITTA’ DELLA REGIONE

BARI è il Capoluogo della Regione ed ha il lungomare più esteso d’Italia, con maestosi palazzi e la brezza marina che soffia fin dentro il centro storico. Questa città è custode di opere d’arte, sapori e colori affascinanti che arredano vicoli, strade e piazze. Città allegra e, al tempo stesso, affascinante. Adagiata su una dolce pianura costiera ed affacciata sulle acque dell’Adriatico, Bari è un importante porto turistico e commerciale. Alle sue spalle si erge l’altopiano delle Murge, dove panorami senza confine mostrano un territorio roccioso e gravine che ne interrompono la continuità. Ulivi, mandorli e vigneti tingono le vaste distese dell’altopiano dove vi sono aziende agricole. Un paesaggio unico scolpito dalla fantasia dell’acqua e dal passare del tempo. Qui si trova la Valle d’Itria  (terra dei famosi trulli che, con le loro coperture grigie a forma di cono, spiccano fra le coltivazioni geometriche che coprono l’intera valle). Lunghi litorali di sabbia bianca, con le acque limpide del mare ne completano la bellezza. Tale costa inizia a Molfetta, nella parte settentrionale, e termina più a Sud con Monopoli. Feste e sagre, sapori genuini e gustosi vini sono l’anima di tradizioni antiche ma mai dimenticate, che la gente di questa terra custodisce con rispetto e amore. Non lasciare la provincia di Bari senza aver ammirato Castel del Monte, il bellissimo Castello fatto costruire da Federico II. Oltre alle tantissime cose belle da vedere, ci piace ricordare che il Santo Protettore di Bari è San Nicola che, in inglese, viene detto Santa Claus. Cioè, per questioni pubblicitarie, da severo vescovo turco è diventato il Babbo Natale dispensatore di giocattoli ai bambini a Natale.     

BRINDISI : 

Città molto nota già nell’antichità come «Porta d’Oriente», in quanto importante porto per il grandissimo esercito romano e successivamente, per i mercanti veneziani. Registra grandi collegamenti turistici con le nazioni che si affacciano sul Mediterraneo. Litorale basso e sabbioso per l’intera costa, favorita dal clima mite che favorisce il prolungamento delle vacanze anche nei mesi autunnali. Belle località turistiche,ed una delle principali aree naturalistiche della regione,  nonché importante centro termale. Gran parte dell’entroterra è occupato dalle Murge che, nella zona settentrionale, incontrano la Valle d’Itria, nota come Terra dei Trulli. Campi coltivati in un mosaico di colori, con ampie distese di uliveti, vigneti e variopinti frutteti, interrotti solo da strade e da sporadiche radure. Antichi borghi dominati da antiche fortezze difensive e torri di avvistamento raccontano la storia legata a Federico II di Svevia e alla dominazione angioina, ma non mancano testimonianze ancora più antiche legate alla presenza dei messapi in epoca preistorica.

FOGGIA

La provincia di Foggia ha 622 532 abitanti. Per estensione è la terza provincia più vasta d’Italia dopo quelle di Sassari e Bolzano. Si estende per 6.965 km² e comprende 61 comuni. Affacciata interamente sul mar Adriatico e confina col Molise (provincia di Campobasso) e con la Campania (provincia di Benevento e provincia di Avellino), nonché con la Basilicata (provincia di Potenza), a sud-est con le province pugliesi di Barletta-Andria-Trani. Nel territorio foggiano sono comprese anche le Isole Tremiti. La Provincia di Foggia è anche denominazione di “provincia di Capitanata” nel rispetto della propria identità storica territoriale. In gran parte della provincia il clima è mediterraneo, con zone costiere e pianeggianti di estati calde, ventilate, secche e inverni miti e umidi. Sull’Appennino sul Gargano le estati sono fresche. I valori medi di piovosità sono compresi tra i 450 e i 650 mm annui. È la provincia meno arida della regione. I corsi d’acqua principali che attraversano la provincia di Foggia sono l’Ofanto e il Fortore.  l’Ofanto segnava in passato il confine naturale meridionale con la provincia di Bari, fino alla nascita della provincia di Barletta-Andria-Trani, mentre il torrente Saccione segna quello a nord-ovest (col Molise). Tra questi due fiumi sono compresi i corsi d’acqua del Tavoliere, tutti a carattere torrentizio, che scaturiscono dai rilievi dauni puntando alla foce in direzione nord-est. Del territorio provinciale fanno parte i laghi salati di Varano e Lesina, tra i più estesi in Italia, oltre al versante orientale del lago di Occhito. Nella provincia di Foggia si ergono i principali rilievi pugliesi, tutti ubicati ai margini della Capitanata; tra essi spiccano il Monte Cornacchia (1 152 m), e il Monte Crispignano (1 105 m), situati lungo la dorsale dei monti della Daunia. La massima vetta del Gargano, invece, è il Monte Calvo (1 065 m). Bellissime coste, come il Gargano e le Tremiti, ma non solo. Stupende ed uniche località da scoprire, sia poste sul mare che nell’entroterra.  

LECCE

La provincia di Lecce ha 795.134 abitanti, seconda più popolosa della regione dopo Bari. Bagnata dal mare Adriatico (canale d’Otranto) e dal mar Ionio. Questa provincia occupa l’estremità meridionale della Puglia e confina con la provincia di Brindisi e quella di Tranto. La provincia di Lecce, estesa per 2.759,39 chilometri quadrati, è sostanzialmente pianeggiante. A sud di essa vi sono modesti rilievi collinari la cui altezza massima raggiunge i 201 m s.l.m.  La fascia costiera, lunga 222 km, è caratterizzata da spiagge di sabbia fine, con affioramenti di acque freatiche  intervallate da lunghi tratti rocciosi che sprofondano nel mare. Lungo la costa adriatica meridionale si concentrano numerose grotte naturali come la Grotta Zinzulusa. Fanno parte del territorio anche i bacini costieri dei Laghi Alimini , siti a nord di Otranto, e l’area paludosa delle Cesine. Il Salento, e in particolare la provincia di Lecce, non ha montagne, ma piccole colline che difficilmente raggiungono i trecento metri sul livello del mare. Sono conosciute con il nome di  Murge salentine e geograficamente rappresentano le continuità meridionali delle Murge che possono considerarsi le loro sorelle maggiori. Castello , Cattedrale, Spiaggia. La città di Lecce ha un bellissimo Centro Storico, nel quale fa bella mostra di sé l’antico Anfiteatro Romano. In Santa Maria di Leuca, bellissima località marina, ciò che colpisce molto il turista sono le bellissime ville ottocentesche che furono costruite in questo paradiso marino. Tra le tante cose belle della provincia di Taranto, non può mancare una visita a Presicce, un comune marino, ma con un bellissimo centro storico.

  TARANTO

La provincia di Taranto è una provincia italiana della Puglia meridionale di 576 756 abitanti. Affacciata a sud sul mar Ionio, confina ad ovest con la provincia di Matera, a nord con la città metropolitana di Bari, a est con la provincia di Brindisi e a sud-est con la provincia di Lecce. La provincia di Taranto è in gran parte pianeggiante e per il resto collinare. Le pianure si sviluppano a nord parallele alla costa jonica dalla foce del Bradano al confine con la Basilicata fino alla città di Taranto spingendosi a circa 15 chilometri verso l’interno, dove si innalza il modesto altopiano calcareo delle Murge culminante nei 505 metri del monte Sarresso, si tratta della piana dell’Arco Jonico Tarantino che altro non è che una continuazione della piana di Metaponto. La zona orientale della provincia è parte della penisola salentina e le ondulazioni morfologiche sono più lievi, infatti le Murge tarantine non superano i 150 metri. Il porto principale della provincia è quello di Taranto: militare, mercantile, peschereccio e turistico.  Principale fortificazione della città di Taranto, il Castello aragonese, detto anche Castel Sant’Angelo, traccia il confine tra città vecchia e borgo nuovo nel capoluogo jonico. Il maniero, progettato dall’architetto senese Francesco di Giorgio Martini su commissione di Ferdinando d’Aragona intorno alla fine del XV secolo, è adagiato sul mare a protezione del canale navigabile. Voluta dal Re di Napoli come castello di difesa, la fortezza fu edificata sulle basi di una struttura di epoca normanna, avente per nucleo centrale una rocca realizzata dai bizantini per proteggersi dai Saraceni.Il Museo archeologico nazionale di Taranto è un importante centro museale, dove è esposta, tra l’altro, una delle più grandi collezioni di manufatti dell’epoca della Magna Grecia, tra cui i famosi Ori di Taranto. La cattedrale di San Cataldo è una chiesa di Taranto, precisamente la più antica cattedrale pugliese, inizialmente dedicata a santa Maria Maddalena poi a san Cataldo vescovo. Ben 14 sono le località balneari della provincia di Taranto, Pulsano, Maruggio, Manduria, Lizzano,   

COSA VEDERE NELLA REGIONE 

La Puglia è una regione meridionale che forma il “tacco” dello stivale italiano. È famosa per i villaggi collinari dal caratteristico intonaco bianco, per la campagna dal sapore antico e per le centinaia di chilometri di costa mediterranea. Il capoluogo, Bari, è una vivace città portuale e universitaria, mentre Lecce è conosciuta come la “Firenze del Sud” per via della sua architettura barocca. Alberobello e la Valle d’Itria sono invece la patria dei trulli, i tradizionali edifici di pietra dal caratteristico tetto conico. Il mare della Puglia è uno dei più belli dell’Italia continentale, e su questo siamo tutti d’accordo. Negli ultimi decenni la punta più estrema dello stivale, il Salento, ha avuto un picco turistico enorme. E’ diventata location del turismo giovane in Italia e non solo. Ma non è l’unica cosa bella da vedere in Puglia. Il Gargano e la costa della Provincia di Brindisi sono meraviglie da scoprire passo dopo passo (o bagno dopo bagno). Gli interni sono solcati dalle mulattiere da percorrere a piedi o in bicicletta, andando tra girasoli ed uliveti. L’arte barocca di Lecce è unica nel suo genere, così come quella della meno nota Martina Franca. Entrambe, anche se presenti tra le rotte turistiche, non saranno mai affollate. E questo è il bello dell’interno della Puglia e di alcuni tratti delle sue coste, insieme alla gastronomia eccezionale e ad un’atmosfera lentamente leggera e colorata. COSA MANGIARE IN PUGLIA – Bombette e pasticciotti leccesi, piatti di verdure tipici e altre delizie. La cucina pugliese è una delle più buone e interessanti cucine regionali italiane. 
Sono ottimi i dolci, i secondi piatti se mangiate la carne, il pane, le friselle e affini, ma anche i contorni ed i vini DOC, bianchi, rossi e rosati. Le friselle pugliesi, al contrario di quelle campane, necessitano di essere totalmente immerse nell’acqua e lasciate a mollo qualche istante prima di essere condite con pomodoro e tonno, pomodoro e mozzarella e olive.Orecchiette alle cime di rapa – Uno dei piatti più conosciuti e popolari della cucina pugliese. Il segreto per cucinare delle ottime orecchiette con le cime di rapa (dopo essersi procurati ottimi ingredienti) sta nel soffriggere un paio di acciughe con l’olio e l’aglio con cui ripassare le cime. Riso, cozze e patate – La ricetta è barese. Più a sud le cozze diventano invece gli ingredienti top dei cavatelli con le cozze. QUI trovate la ricetta completa del riso barese. Cicioria e fave – Un piatto della tradizione, semplice, povero eppure buonissimo. Si mangia in Salento ma anche in altre zone della Puglia. Focaccia pugliese – Servita come antipasto o come spuntino è ottima anche come piatto principale di una cena a base di pizza. La focaccia pugliese è alta e soffice grazie all’aggiunta delle patate lesse nell’impasto e condita con pomodorini pachino, olio extra vergine di oliva e origano. Altra cosa da fare in Puglia è il bagno di mare. Tra le stupende spiagge del versante adriatico e quelle del versante ionico, ci sono un’infinità di spiagge super super belle. Non perdetele per nessun motivo.  

LUOGHI DA VEDERE ASSOLUTAMENTE

La Puglia, oltre alle sue tante bellezze, è anche famosa per i villaggi collinari rivestiti dal caratteristico intonaco bianco, messo per riflettere i raggi del sole e non far riscaldare troppo le abitazioni. Inoltre, le sue campagne hanno un tipico sapore antico; mentre le centinaia di chilometri di costa mediterranea rivelano angoli meravigliosi di panorami irripetibili. Il capoluogo, Bari, è una vivace ed interessante città portuale e universitaria, mentre Lecce è conosciuta come la “Firenze del Sud” per via della sua architettura barocca. Alberobello e la Valle d’Itria sono invece la patria dei trulli, cioè i tradizionali edifici di pietra dal caratteristico tetto conico fatto con pietre piatte sovrapposte e messe in modo da non far entrare l’acqua piovana, costruiti  cioè, almeno qualche secolo fa, senza neanche un cucchiaio di cemento. Comunque, oltre a ciò, è bello vedere lo Zoo Safari (con animali feroci lasciati in libertà e le auto che ci camminano in mezzo facendo attenzione di non infastidirli); Il centro storico e la Riserva Naturale di Torre Guaceto ; le meravigliose Isole Tremiti ; Ostuni – La Città Bianca da lunghi e tortuosi vicoli; Otranto, il castello voluto da Alfonso d’Aragona alla fine del Quattrocento ; Polignano a Mare, paese dalla bellissima costa, ma anche paese di Domenico Modugno (mister “Volare”), di cui c’è una bellissima statua;  Gallipoli, bellissima città di mare e, d’estate, è presa d’assalto dai ragazzi che vogliono vivere una indimenticabile vacanza con loro coetanei ; Gravine di Puglia e Grotte di Castellana, che sono entrambi fenomeni carsici che si spingono fin quasi 100 metri nelle viscere della terra, sul cui fondo, a volte, scorrono dei veri e propri torrenti di acqua limpida.   

SITI PATRIMONIO DELL’UNESCO

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, acronimo dell’UNESCO visita e riconosce  tutti i patrimoni dell’uomo o della natura dichiarandoli, se ve ne sono le caratteristiche, PATRIMONIO DELL’UMANITA’  .

La Puglia è una regione fitta di bellezze che  (se protette) sopravvivono al passare del tempo. Per tale motivo, ben 4 dei tesori di questa Regione sono stati inseriti nei siti mondiali, meritando una particolare salvaguardia. Esso sono :

CASTEL DEL MONTE (PATRIMONIO UNESCO DAL 1996) : Il castello di Andria, costruito per volere dell’imperatore Federico II , che non ha certo bisogno di presentazioni, è caratterizzato dalla sua particolare  forma ottagonale ( unico monumento italiano che fu raffigurato sulle monete dell’Euro). Quest’opera possiede un valore universale eccezionale per la perfezione delle sue forme, l’armonia e la fusione di elementi culturali venuti sia dal Nord dell’Europa, che dal mondo Musulmano e dall’ antichità classica. È un capolavoro che riflette l’umanesimo del suo fondatore: Federico II di Svevia.”

TRULLI DI ALBEROBELLO : Assolutamente uniche e caratteristiche costruzioni in muratura a secco conosciute in tutto il mondo sono i Trulli, inseriti nel prestigioso elenco nello stesso anno di Castel del Monte. Queste costruzioni, nate come ripari temporanei o abitazioni di piccoli proprietari terrieri o lavoratori agricoli, lsono particolarmente presenti ad Alberobello e nella Valle D’Itria. Sono in pietra calcarea estratta durante gli scavi per la realizzazione di qualche cisterna idrica sotterranea. Tali pietre, che hanno forma piatta e larga, sono poste l’una sul’altra ed tetti a doppio strato presentano, inoltre, un rivestimento interno a volta in pietre di forma conica con la punta verso l’alto. Tale cono ha l’esterno impermeabile, in modo da non essere penetrato dall’acqua piovana.  

SANTUARIO DI SAN MICHELE ARCANGELO Nel cuore di Monte Sant’Angelo, sulle pendici del Gargano, è nascosto  questo santuario (più importanti di tutta la Puglia), meta di pellegrinaggi di fedeli provenienti da tutto il mondo, tanto da essere stato inserito nella lista UNESCO nel 2011. La Grotta di San Michele Arcangelo è accessibile grazie a una struttura sovrastante risalente a periodi che oscillano tra il 1200 e il 1800 ed è dedicata a uno dei santi più rilevanti dei due Testamenti. L’origine e la dedica dell’intera struttura è legata alle varie narrazioni che vogliono come il santo sia qui apparso quattro volte, rendendolo suo luogo prediletto.

RISERVA NATURALE DELLA FORESTA UMBRA : Recentissimo è l’ingresso della Foresta Umbra nel Patrimonio UNESCO, cioè nel 2017. Quest’area verde si estende per oltre 10.000 ettari, nel cuore del Promontorio del Gargano, è un luogo di straordinario valore arboreo e di incredibile bellezza, che arriva sino ad 850 metri di altitudine e che offre una grande varietà di flora e fauna che popolano l’intera superficie. Questa foresta rappresenta ciò che resta del primitivo ambiente garganico e, perciò deve essere tutelato. L’origine del suo nome ha una duplice spiegazione: potrebbe derivare da antiche popolazioni umbre che abitavano quest’area o, in alternativa, l’ipotesi più probabile è riferita al fatto che i rigogliosi alberi di latifoglie che qui crescono creano zone d’ombra molto fitte, di cui si può approfittare in estate per allontanare un po’ la calura estiva.

I BORGHI PIU’ BELLI

BARI : Alberobello – Giovinazzo – Locorotondo   ; BRINDISI : Ceglie Messapica – Cisternino – Ostuni -; FOGGIA : Alberona – Bovino –  Deliceto –  Peschici – Pietramontecorvino – Rignano Garganico – Roseto Valfortore – Sant’Agata di Puglia – Vico del Gargano – Vieste ; LECCE : Andrano – Melpignano – Morciano di Leuca – Otranto – Palmariggi – Presicce – Specchia – VeglieTERANTO : Massafra 

SITI ARCHEOLOGICI

Il sito dei resti del Battistero di San Giovanni di Canosa di Puglia. Era un edificio a pianta dodecagonale  nella nuova Provincia di Barletta-Andria-Trani ; Parco Archeologico di Canne della Battaglia (Barletta); Museo Archeologico Nazionale di Taranto : Molto bello e interessante ; Museo archeologico nazionale di Egnazia – Savelletri (Brindisi) ; Il Museo archeologico nazionale Jatta di Ruvo di Puglia (BA) ; Museo Archeologico di Canosa di Puglia ( Provincia di Barletta-Andria-Trani ) ; Scavi di Egnazia ( Fasano – Brindisi) ; Polo Museale della Puglia (Bari).

LE LOCALITA’  PIU’ BELLE DELLA PUGLIA 

L’itinerario è focalizzato su arte, architettura, storia e cultura ma non mancheranno le occasioni per ammirare alcuni splendidi paesaggi naturali (dal mare alla campagna) e per gustare alcune prelibatezze dell’enogastronomia pugliese con i suoi vini e la dieta mediterranea, anch’essa dichiarata patrimonio Unesco.

Beautiful town of Alberobello with trulli houses among green plants and flowers, main turistic district, Apulia region, Southern Italy
The Castellana Caves are a remarkable karst cave system located in the municipality of Castellana Grotte, Puglia, Italy

Alberobello (capitale dei trulli), costituisce l’unico centro storico abitato al mondo composto da più di mille trulli che la rende una città unica ! Castel del Monte, una della tante dimore di Federico II di Svevia che con i suoi torrioni di forma ottagonale, lo rende unico nel suo genere che spazia tra realtà e leggende. Castel del Monte è il più famoso fra i castelli costruiti da Federico II ed è un sito Unesco. Solitario in cima ad una collina nella campagna di Andria che hanno alimentato infinite teorie sulla sua funzione. Trani , con la sua splendida cattedrale (dedicata a S. Nicola Pellegrino), che si affaccia sul mare ed uno dei più eleganti esempi di Romanico Pugliese, il castello svevo, il suo interessante centro storico ricco di testimonianze dalla cultura ebraica, il pittoresco porto ed i ristoranti di pesce. Rientro in hotel per la cena (libera) e il pernottamento. Centro storico di Ostuni, nonché Casalini (piccolo borgo nei pressi di Cisternino), per la visita di una cantina vinicola e degustazione di vino e prodotti tipici.  Alberobello per immergersi nell’atmosfera da fiaba di questo villaggio con suoi caratteristici trulli (architetture uniche al mondo con tetto conico in pietra a secco, ossia senza l’utilizzo di malta). Locorotondo per ammirare il suo centro storico e il panorama , è un caratteristico borgo (inserito nella lista dei Borghi più belli d’Italia) famoso per i suoi vini e le case bianche con tetto “a pignon” (o “a cummersa” ossia un altro tipo di architettura con pietre a secco). Lecce, con il suo centro storico (chiamata la Firenze del Sud per lo splendore della sua architettura) , è stata inserita da Lonely Planet nella lista delle prime 10 città da visitare. I suoi simboli sono le chiese, i monasteri, i palazzi, le piazze e castelli. Tutte strutture realizzate nel periodo compreso tra l’Antica Roma ed il Barocco. Le opere più interessanti della città sono: la Piazza Sant’Oronzo;  l’Anfiteatro Romano, il Teatro Romano, il Palazzo Celestini, la Basilica di Santa Croce con la sua meravigliosa facciata barocca, l’affascinante Piazza Duomo (una delle poche piazze “chiuse” d’Italia); oltre alcuni palazzi (Carafa, Adorno, Marrese, Palmieri-Guarini, etc.); il Castello Carlo V ed alcune altre interessanti chiese (S. Irene, S. Matteo, S. Chiara, la Greca, etc.); le antiche porte della città . Non tralasciare una visita ai laboratori artigianali e lo shopping; la degustazione di un tipico spuntino leccese (un rustico salato, un pasticciotto dolce, un gelato), nonché un caffè in una piccola torrefazione artigianale. 

Beautiful Otranto by Adriatic Sea, Puglia, Italy

 

Polignano a Mare village on the rocks at sunrise, Bari, Apulia, southern Italy. Europe.

BARI                  

E’ il Capoluogo di Regione della Puglia con circa 320.000 abitanti e con passati illustri. Il suo lungomare è stato ristrutturato in modo delizioso e raffinato, tanto da richiamare lì, ogni sera, la popolazione a godere di tanta bellezza. Tra i Monumenti  piu’ importanti vi è la Basilica di S.Nicola (XII sec. , di stile romanico-pugliese) e la Cattedrale di San Sabino (anno 1170); la Chiesa di S.Gregorio (XII Secolo) ed il Castello Normanno-Svevo , adibito a caserma; il Teatro Petruzzelli ed il Museo Archeologico. Il mare barese è bellissimo e, d‘estate, nella zona di Monopoli si concentrano lidi, ristoranti e discoteche ed i negozi più trendy per lo shopping. Le attività subacquee crescono molto in estate. Nella provincia di Bari vi sono anche i laghi  di Sassano e Castiglione, a pochi km. dalla città e frequentati da un gran numero di persone perché balneabili.  Tra i Borghi da visitare nei dintorni di Bari, si consigliano Monopoli;  Locorotondo (uno dei più belli d’Italia);  Polignano a Mare (paese di Domenico Modugno), la cui canzone “Volare” rappresenta l’Italia nel Mondo;  Castellana Grotte, famosa per le sue grotte carsiche; Conversano, città di arte e cultura, che ha origini preromane e luogo ideale per le vacanze.Bari ha origini greche, il suo nome era Barion (dal greco = municipio); la Basilica di San Nicola (cioè il famoso Santa Claus del Natale) e protettore della città, dove sono custodite le reliquie dal 1200. Sul litorale barese fa bella mostra di sé il castello Normanno-Svevo e la muraglia risalente al XII secolo, che circonda la città vecchia. Nel centro storico si possono ammirare belli  edifici di vario stile: il Palazzo dello acquedotto pugliese, il Palazzo Mincuzzi e quello Fizzarotti, fino all’ottocentesco e neoclassico Palazzo de Gemmis. Nella stagione teatrale è possibile godere del Teatro Petruzzelli,  cuore culturale della città di Bari. E’ possibile ammirare i reperti bronzei e ceramici del “Museo archeologico”; nella Pinacoteca di Bari vi sono opere di Tintoretto,  Bellini e  Paolo Veronese, Morandi e De Chirico.   12 sono le principali Fiere che si tengono a Bari durante l’anno : Firea del Levante – Wellness Festival – Agrimed – Medimex – Smau business Bari – Stampa 3D – Edil Levante Abitare – Motus – Salone dell’Arredamento Bari – Business Center – SMAU . Molte sono le Sagre che si tengono in Bari e Provincia. La maggior parte si tengono nel periodo estivo; alcune patronali, altre riguardano il genere alimentare, folkloristiche e musicali.  La cucina barese ha radici millenarie, influenzate anche dalle varie dominazioni subite e la vicinanza geografica con varie popolazioni marinare. Pertanto i piatti principali baresi sono a base di pesce e crostacei. 

GALLIPOLI

Gallipoli è una cittadina sulla costa pugliese, in provincia di Lecce. Il centro storico, situato su un’isola al largo, ospita luoghi di culto come la Cattedrale di Sant’Agata, con la sua facciata riccamente decorata. Poco distante, la Chiesa di Santa Maria della Purità presenta un pavimento in maiolica. Da non perdere una visita al famoso Castello Angioino di Gallipoli, la Torre del Rivellino è indipendente dall’edificio principale. Dall’altra parte del ponte, sulla terraferma, si trova la Fontana Greca, risalente al Rinascimento. Da alcuni anni Gallipoli è diventata, essenzialmente, la città dei giovani, grazie alle numerose discoteche, ritrovi per mangiare o bere in compagnia, ecc. La spiaggia è quella della Purità .

Risultati immagini per Spiaggia della Purità

GARGANO :  La Penisola compresa nella Puglia . Essa comprende ilago di Varano, che è nella sua area settentrionale, in provincia di Foggia, e bagna i comuni di Cagnano Varano, di Carpino ed  Ischitella. Questo lago è il più grande specchio d’acqua costiero d’Italia ed anche il più esteso del Sud. La sua larghezza supera i 10 Km. ed è posizionato tra la punta su cui sorge Rodi Garganico e il monte d’Elio. Il lago ha un ruolo centrale nell’economia dell’area, sia per la pesca (la sua acqua è salata) che per il turismo, che lì è in grande ascesa. Il lato nord del lago è separato dal mare  attraverso una sottilissima striscia di terra di 8 Km. e larga 1 km. E’ profondo oltre i cinque metri e comunica col mare a mezzo due canali, ma viene anche alimentato di acqua dolce da alcune sorgenti sotterranee. Sull’isola c’è la Riserva naturale statale dell’isola di Varano ed è parte del Parco Nazionale del Gargano. Lago ed isola sono caratterizzati dalla incredibile biodiversità della vegetazione fitta e variegata, con salici piangenti, eucalipti, i pini marittimi e le ninfee a pelo d’acqua. Anche la fauna è molto varie, tra i molti volatili, che si incontrano lungo le rive del lago. Intorno al lago vi sono bei borghi come Cagnano Varano, di circa 7.000 abitanti e sito su un colle che domina il lago, oltre ad antichi reperti di mura e di edifici religiosi. Ischitella, invece, è un piccolo ma noto Comune interno del Parco Nazionale del Gargano, ad oltre 300m. sul livello del mare, da si ammira il lago di Varano ed il mare Adriatico. La parte più antica di questo borgo ha vicoli stretti e case bianche e basse, addossate tra loro. In questo paese vi sono numerosi edifici storici, oltre il convento di San Francesco, la chiesa di Sant’Eustachio e la splendida chiesa della SS. Annunziata del X secolo dopo Cristo. Ischitella, da alcuni decenni è meta preferita della Puglia. Per concludere la visita al Gargano, non si può non visitare Carpino, Comune di circa 4.000 abitanti ed edifici di grande valore storico-religioso. Questa cittadina è anche nota per il Festival della kermesse musicale folk dedicata alla musica popolare. Anche a Carpino non mancano edifici: visitate le chiese di San Cirillo e di San Nicola di Mira. E’ inutile, però, chiudere il discorso sul Gargano senza menzionale le bellissimi e stranote località di Rodi, Peschici e Vieste, di cui tutto il Mondo conosce le qualità e le bellezze. Ovviamente, questa Penisola è piena di spiagge più belle del Gargano, Rodi, Peschici, Vieste…

MATTINATA  grazie anche alle acque cristalline del mare. In una distesa di uliveti, mandorli e fichi d’india degradanti verso il mare sorge il bianchissimo paese di Mattinata. Derivata dall’antica Matinum, è edificata a strati e gradoni ricavati dalla roccia su due colline, Castellacelo e Coppa della Madonna. La circondano il Monte Sacro, noto nell’antichità come Monte Dodoneo, ed il Monte Saraceno dove è possibile vedere i resti di una necropoli dell’età dei bronzo. 

Sul porto turistico sono visibili i resti di una antica villa romana e sul Monte Sacro i resti dell’abbazia della SS. Trinità.

Mattinata può vantare una delle più belle spiagge del Gargano: chilometri di ciottoli levigati da un mare cristallino da dove partire in barca per visitare le numerose grotte, cale e spiaggette accessibili solo dal mare. I Faraglioni di Baia delle Zagare, la spiaggia di Vignanotica e quella di Mattinatella sono meraviglie della natura. La bellezza del luogo, l’ospitalità dei suoi abitanti e le moderne strutture turistiche fanno di Mattinata una delle mete turistiche più apprezzate in Italia. Meta ideale non solo per gli amanti del mare ma anche per i buongustai che potranno deliziare i loro palati con l’ottima cucina garganica, fortemente legata alle tradizioni locali.

 PESCHICI 
è un Comune di 4.488 abitanti della provincia di Foggia. Fa parte del Parco Nazionale del Gargano. E’ una località balneare e, per la qualità delle sue acque di balneazione, è stata più volte premiata della Bandiera Blu dalla Foundation for Environmental Education. Sorge su una rupe a picco sul mare ed è molto apprezzata dai turisti in vacanza sul Gargano. Conserva ancora l’influsso della sua origine moresca ed il ricordo di dominazioni arabe. E’ caratterizzata da grotte scavate nella roccia e antiche case bianche con tetto a cupola. Il suo centro storico è ricco di scorci suggestivi, con botteghe artigianali e numerosi locali dove gustare i piatti tipici della tradizione culinaria pugliese. Negli stretti vicoli scavati nella roccia, o salendo le strette scale cittadine che la caratterizzano, si respira un’atmosfera il profumo del pino marittimo mescolato all’aria salmastra ed all’odore del rosmarino, o del cappero che qui nasce spontaneo.Tra le numerose spiagge che la circondano una della più belle è la Baia di Manacora, posta sull’estrema punta della costa garganica con una splendida spiaggia di sabbia finissima incorniciata da scogli a ridosso del Parco Nazionale del Gargano. La Baia di Peschici è rinomata per la sua spiaggia di sabbia bianca, lunga oltre un chilometri, incorniciata da grandi scogli, che la rendono un arenile tranquillo ideale per i bambini.Dal porto di Peschici partono le escursioni in barca per visitare le grotte marine della costa e gli spostamenti in traghetto verso le Isole TremitiPercorrendo il tratto costiero che da Peschici va verso Vieste, è possibile ammirare le antiche torri di avvistamento e i famosi trabucchi , che sono delle piccole costruzioni in legno realizzate con pali conficcati nelle rocce e funi che trattengono una grande rete calata in acqua che servono a pescare, da cui il termine “trabocchetto”, con la quale si cattura il pesce. Tale è il sistema tradizionale di pesca ancora usato dai peschiciani.

VIESTE

E’ un comune italiano di 13.900 abitanti della provincia di Foggia, in Puglia. E’ una stazione balneare posizionato nel Parco nazionale del Gargano come Peschici. Per la qualità delle sue acque marine è stata più volte insignita della Bandiera blu dalla Foundation for Environmental Education.  E’
meta ideale per chi ama le spiagge di sabbia dorata, larghe e profonde. I fondali sono in genere bassi. Ottime per i bimbi e per evitare l’affollamento . Le spiagge vicine al paese si possono raggiungere a piedi. In pieno centro storico ci si può bagnare a Marina Piccola, anche se la spiaggia è piccola. La costa del Gargano offre anche archi naturali e splendide grotte marine.  I Trabucchi e le Torri Costiere, testimoniano un passato in cui il mare rappresentava solo fonte per procurarsi cibo Le torri di avvistamento,  che ancora si scorgono lungo la costa, nel XVI secolo rappresentavano un mezzo di difesa dagli attacchi dei pirati. Gli amanti della natura saranno felici di godersi il paesaggio rurale e la macchia mediterranea. Inoltre, non è difficile imbattersi in animali allo stato semi-brado che pascolano a pochi metri dal mare. Un’attrattiva imperdibile è l’escursione nella grande foresta umbra. 10.000 ettari di bosco incontaminato ed animali selvatici,  percorribili anche a trekking e mountain bike .Oltre alle bellezze naturali, anche il centro storico, ricco di cultura e di storia, merita interesse. Tra le caratteristiche stradine si trova la cattedrale, col suo bel campanile a guardia della città. E’ presente, inoltre, il castello federiciano, dal quale si ammira il Pizzomunno, cioè un monolito calcareo, simbolo di Vieste.

S.MARIA DI LEUCA

è l’estremità del tacco d’Italia
. Guardando il mare cristallino, sulla sinistra c’è il Mare Adriatico, profondo e blu, mentre sulla destra c’è il Mar Ionio, con fondale basso e verde chiaro. Per la sua particolare posizione era già nota nell’antichità: Furono i naviganti greci a darle il nome Leukos (cioè illuminata dal sole). Molti sono i turisti che scelgono la marina di Leuca per trascorrervi  giorni di tranquillità in questo magico paradiso.
Lungo le coste del promontorio, all’interno delle varie grotte lì presenti, sono stati rinvenuti reperti archeologici che testimoniano la presenza dell’uomo a Leuca sin dal Paleolitico. Sul promontorio dove sorge la bella Basilica, vi era un tempio dedicato alla Dea Minerva. Fu l’Apostolo Pietro a cristianizzare il tempio e dedicandolo alla Madonna. Consegnando così il Santuario al culto dei fedeli di tutta Europa. Oggi il Santuario , per i cristiani è la Porta per il  Paradiso. Una lapide all’interno della Basilica indica il passaggio al Cristianesimo. Il promontorio di Leuca è stato, dunque, da sempre importante perché punto obbligato di passaggio da e per l’Oriente. Qui si sono fermati i cretesi, i fenici, i greci, molte le iscrizioni greche, messapiche e latine all’interno di alcune grotte costiere. Nel ‘500 fu costruita anche la Torre Costiera denominata Torre Dell’Omo Morto a causa di alcune ossa umane lì ritrovate.  Per molto tempo Santa MAria di Leuca è stata solamente  il ritrovo di molti pescatori che avevano lì i loro strazi e solo verso la fine del 1800 nasce l’interesse turistico per questa splendida insenatura: Leuca divenne residenza estiva dell’aristocrazia Salentina e Pugliese. Qui si costruiscono splendide ville in vari stili, impreziosendo il lungomare ed il paesaggio leucano. Oggi Santamaria di Leuca è una tra le più gettonate località in cui trascorrere le proprie vacanze in Puglia. Con la possibilità di ammirare sia l’alba che il tramonto sul mare, comunque ben collegata alle altre località come Galipoli, Otranto, Lecce, Torre Vado e la spiaggia di Pescoluse. Tra le più belle ville di Santa Maria Leuca ricordiamo La Meridiana, Villa Mellacqua, Villa Sangiovanni. Solitamente ogni villa costituiva una specie di “stabilimento balneare privato”, nel quale ci si poteva spogliare e farsi il bagno in assoluta privacy. 

OTRANTO
Otranto è un comune italiano di 5 892 abitanti della provincia di Lecce in Puglia. Situato sulla costa adriatica della penisola salentina, è il comune più orientale d’Italia: il capo omonimo, chiamato anche Punta Palascìa, a sud del centro abitato, è il punto geografico più a est della penisola italiana.
Il punto più ad est dello stivale, un gioiello del Salento, un territorio pieno di spiagge caraibiche, un luogo ricco di storia, arte, cultura. In estate vede moltiplicata la sua popolazione per la bellezza dei posti, l’unicità del mare e l’importanza che ricopre nel turismo salentino. Del territorio comunale fanno parte anche numerose frazioni, alcune delle quali sono richieste mete turistiche, come Porto Badisco, Fontanelle, Serra Alimini, Frassanito, Conca Specchiulla..E’ raggiungibile attraverso la litoranea da imboccare a Lecce, E’ possibile, però, scegliere tra più strade oltre la litoranea. La più veloce è la superstrada Lecce-Santa Maria di Leuca: seguendo le indicazioni per Otranto. Per chi viaggia invece in treno è necessario continuare il viaggio tramite la compagnia Ferrovie Sud Est , o avvalersi dell’ottimo servizio Salento in Bus. Stesso discorso vale per l’aereo, con Brindisi Casale l’aeroporto di riferimento. Salta subito all’occhio come Otranto sia una città fortificata, il cui borgo antico è racchiuso da mura difensive che non consentono l’accesso al proprio interno. La posizione geografica ha infatti, da sempre, rappresentato un’arma a doppio taglio, un’opportunità ma anche una minaccia per la città: spesso, nel passato, teatro di invasioni mirate all’occupazione della zona, che per molto tempo ha rappresentato il centro commerciale del Salento.  
 
LAGHI        : Lago di Varano; Lago di Lesina ; Lago Locone ; Lago Salso;Lago di Occhito ; Lago Castiglione ; Lago Sassano ; Lago di Serra del Corvo ; Lago Salinella.
    
MONTAGNE : 

Nonostante si possa pensare il contrario, la Puglia ben si presta ad una vacanza in montagna. Non è detto, infatti, che la vacanza ad alta quota sia necessariamente quella dedita allo sport dello sci.  Le vette elevate, infatti, difficilmente superano i 1.000 metri, come in Puglia, e difficilmente possono accontentare gli appassionati di sci . La vetta più alta è, infatti, il Monte Cornacchia (1.152 m.), seguito dal Monte Saraceno (1.145 m) e dal Monte Crispignano (1.105 m). Sul promontorio del Gargano c’è, invece, il Monte Calvo (1.055 m). Per sciare, infatti, sono più adatte le vette della Basilicata o Molise, per non parlare di quelle dell’Abruzzo. In compenso, in Puglia vi sono tante zone ideali per : praticare trekking è possibile in zone come il Gargano e la Foresta Umbra, mentre per l’arrampicata sportiva sono ideali le aree come la gravina di Statte o la falesia di Laterza, che permettono di conoscere piccole realtà locali immerse in un ambiente incontaminato, dove cultura e natura si fondono in un piacevole connubio. Oppure Biccari, a pochi passi dal Monte Cornacchia, splendido borgo affacciato su verdi vallate con scorci da sogno. Qui si possono visitare le aree protette di Monte Cornacchia e Bosco Cerasa, il lago Pescara di origine vulcanica e il bosco di Vado del Tufo. Il Monte Calvo deve il suo nome alla cima completamente brulla, ma circondata da splendide foreste che appartengono al Parco Nazionale del Gargano. L’area offre splendidi panorami che si affacciano sulle valli sottostanti, sul Monte Vulture, ma anche sul Lago di Varano e perfino sulle isole Tremiti. La vetta è uno spettacolo sia d’estate che d’inverno, quando è ricoperta di un manto nevoso. Insieme all’attigua piana di Montenero, il Monte Calvo è noto per i suoi fenomeni di origine carsica come le doline. La fauna è ricca e variegata: si possono avvistare esemplari di corvo imperiale, gheppio, civetta e poiana. Il Gargano è il paradiso degli escursionisti e qui si possono seguire numerosi percorsi di trekking. Uno di questi parte dalla lussureggiante Foresta Umbra per raggiungere l’abbazia di Monte Sant’Angelo e proseguire verso Monte Sacro.


Confrontare