Teramo

Regioni

Italia Placeholder
Italia

In provincia dell’Aquila

  • Città 99% 99%
  • Mare 99% 99%
  • Montagna 25% 25%
  • Campagna 50% 50%
  • Borghi 50% 50%
  • Laghi 50% 50%

Le città

Teramo è capoluogo collinare dell’omonima provincia dell’Abruzzo ed una piccola città accogliente di circa 50.000 abitanti, da poter girare a piedi imbattendosi in vestigia romane e medievali, basiliche ed ottime trattorie.

È posta nella parte più a nord della Regione ed ha origini riconducibili al III secolo a.C., prima che il dominio romano giungesse ad Aprutium (attuale “Abruzzo”). E’ alle pendici del Gran Sasso, in un territorio ricco di vigneti e oliveti.

È bella per i suoi paesaggi naturali e per il patrimonio artistico e culturale che la contraddistingue. Le antiche testimonianze giunte ai giorni nostri raccontano la storia di diverse epoche, tanto che la sua visita equivale ad un vero e proprio viaggio a ritroso nel passato, incontrando una gran varietà di popoli e culture.

Tra gli edifici religiosi più importanti della città di Teramo, il principale (e più visitato) è senza dubbio il Duomo o Basilica di Santa Maria Assunta.

Dall’esterno, la chiesa presenta l’alternanza di due stili architettonici primari: la parte bassa dell’edificio presenta infatti le caratteristiche tipiche dello stile romanico, mentre la parte più alta (realizzata più tardi) è evidentemente gotica.

La coesistenza dei due stili si trova poi anche all’interno, ma con un’aggiunta: si possono infatti ritrovare tre navate, ognuna con caratteristiche proprie (una navata è in stile romanico, una in stile gotico, mentre l’ultima è molto vicino allo stile architettonico vigente nel Settecento).

Molto bello è il Paliotto posto vicino all’altare maggiore, raccontando in 35 formelle colorate alcune vicende salienti la vita di Gesù.

L’altra chiesa che si consiglia di visitare a Teramo è la Chiesa di Sant’Agostino, costruita accanto all’omonimo convento (ormai ex convento, perché crollò).

La chiesa è frutto di un notevole intervento di restauro di fine 1800: ecco perché già solo osservandola dall’esterno si può notare la presenza di elementi ottocenteschi nella facciata, caratterizzata da rosoni e cornici.

All’interno, l’edificio è ricco di tesori pregiati: tra i tanti, si segnala una tela risalente al XVIII secolo, raffigurante la Madonna della cintola circondata dai santi agostiniani (tra cui spiccano Sant’Agostino ed anche San Gregorio e Santa Monica).

Piazza Martiri della Libertà è il nucleo del centro storico di Teramo, su cui si affacciano alcuni dei principali edifici storici della città, tra cui il Duomo e il Palazzo vescovile.

Qui, si tengono le manifestazioni e gli appuntamenti più importanti. Inoltre sotto Natale la piazza si riempie di bancarelle e intrattenimenti adatti ai turisti di tutte le età. Infatti, è molto piacevole passeggiare in questa piazza e nei dintorni ad ogni ora del giorno.

Castello della Monica
Piazza dei Martiri
Posto sul piccolo colle di San Venanzio, il Castello della Monica ed il circostante Borgo altro non sono che una ricostruzione ottocentesca di un complesso di edifici (di cui il Castello rappresenta il nucleo principale) che ricorda lo stile del periodo medievale.

Per accedervi è necessario attraversare un ponte levatoio molto realistico, dotato di una torretta di controllo.

All’interno, l’edificio presenta diversi affreschi di paesaggi campestri, molto amati dal proprietario dell’epoca, l’artista teramano Gennaro della Monica; mentre l’esterno è caratterizzato da materiali decorativi diversi, in parte neogotici, in parte moreschi.

Tra i complessi architettonici di epoca antica presenti a Teramo, il Teatro Romano è probabilmente quello meglio conservato: edificato sotto l’impero di Augusto, il complesso oggi si trova a circa 2/3 metri al di sotto del livello stradale mentre in passato per accedervi era necessario discendere dei gradini in travertino.

All’epoca la struttura poteva ospitare addirittura 3.000 spettatori sulle gradinate semicircolari, inoltre la facciata esterna era costituita da due ordini di arcate posti uno sopra all’altro.

Poco distante, si trova anche l’Anfiteatro romano, probabilmente risalente al I secolo d.C.

Parco Ivan Graziani
Resti del Teatro Romano
Se dopo tanto girovagare per Teramo si sente il bisogno di una pausa, o semplicemente cercare un angolino appartato dal caos cittadino, bisogna dirigersi verso il Parco Ivan Graziani, poco fuori la Porta Reale.

Questo parco, dedicato al cantautore teramano, è un posticino tranquillo in cui potersi rifugiare nel verde, sebbene non così distante dalla città.

Al suo interno, oltre alle classiche panchine e fontane, sono presenti innumerevoli siti archeologici di piccola dimensione, oltre al Monumento alla Resistenza inaugurato nell’aprile del 1977.

Le nostre strutture a Teramo

Casa vacanza Cri
8 months ago

Situato a San Benedetto del Tronto, a 1,3 km dallo Stadio Riviera delle Palme, La casa. Il Di Cry offre sistemazioni climatizzate. Durante l’estate avrete a disposizione un ombrellone e 2 lettini presso una vicina spiaggia convenzionata. Questa casa vacanze presenta 1 camera da letto e 1 bagno con vasca o doccia. A vostra disposizione […]

Compare