Basilica di Santa Croce a Firenze

 

Firenze    🏡

 

Non deve assolutamente mancare nella lista delle cose da vedere a Firenze.

Contiene, tra gli altri, il sepolcro di Michelangelo, la tomba di Galileo Galilei e di Ugo Foscolo, oltre ad un monumento a Dante Alighieri.

 

Santa Croce, ricostruita per l’ordine francescano nel 1294 da Arnolfo di Cambio, è il luogo di sepoltura dei grandi e potenti di Firenze: Michelangelo, Rossini, Macchiavelli ed il pisano Galileo Galilei, che fu condannato dall’Inquisizione e che, quindi, non poté avere una sepoltura cristiana fino al 1737, ovvero 95 anni dopo la sua morte. Vi è anche un monumento commemorativo a Dante, ma il suo sarcofagoo è vuoto (è stato sepolto a Ravenna, dopo il suo esilio da Firenze). 

Santa Croce fu riconosciuta come una delle chiese più importanti di Firenze. Prima di addentrarci all’interno per scoprirne le meraviglie, ecco qualche data da cui cominciare:

La struttura originale risale al 1212 quando San Francesco d’Assisi visitò Firenze, per poi stanziarsi in città con un gruppo di seguaci, scegliendo un’area inospitale e paludosa proprio fuori dalle mura. Questa base architettonica originale fu riscoperta solo dopo l’inondazione del ’66.

La costruzione dell’edificio attuale fu cominciata il 3 maggio del 1294 o 1295 (l’anno non è certo) e ci vollero diversi anni per finirlo. 

L’esterno della chiesa è ricoperto con una facciata in marmo policromo aggiunta nel 1863 e finanziata dal benefattore inglese Sir Francis Sloane. Si affaccia su Piazza Santa Croce, dove si tiene ogni anno uno degli eventi più folcloristici della città, il Calcio Storico Fiorentino.

Confrontare