Abruzzo

L’Abruzzo è una regione dell’Italia Centrale posta tra l’Adriatico e gli Appennini. Il suo entroterra è in gran parte costituito da parchi nazionali e riserve naturali. Comprende anche paesini medievali e rinascimentali sulle colline. La città capoluogo di regione è L’Aquila, unica città italiana il cui nome inizia con un articolo.

Essa fu danneggiata dal terremoto del 2009, ma ora c’è un gran lavoro di ricostruzione. La Costa è cosiddetta dei “Trabocchi” per il nome delle strutture in legno che servivano per pescare, che oggi sono stati in gran parte trasformati in ristoranti sul mare. Le calette  della costa sono di sabbia o piccoli sassi. Sulla costa c’è anche la città di Pescara, che ospita  vari resort, un porto turistico e diversi chilometri di spiaggia sabbiosa. Nell’entroterra, il Parco Nazionale del Gran Sasso è dimora di molti animali selvatici, tra cui aquile reali, orsi e cinghiali. Oltre a questo vi sono i Parchi Nazionali della Majella e dell’Abruzzo Lazio e Molise, con varie località sciistiche come Roccaraso, Pescasseroli, Rivisondoli, Pesco Costanzo, Ovindoli . D’estate è molto praticato il trekking , o il kayak sul fiume Sangro, oppure nuotare nei tranquilli laghi di montagna, come Barrea o Bomba. La superficie regionale è di 10 831 km² e il totale della popolazione è di circa 1 300.000 abitanti. Quattro sono le sue provinceL’AquilaChietiPescara e Teramo, con i loro circa 300 Comuni.

Pescara (ABRUZZO)                                                                          Teramo (ABRUZZO)

Confina con le Regioni Marche, il Lazio ed il Molise. Parte di essa affaccia sulla costa Adriatica, mentre parte è alte montagne fino a 2 914 m. (Gran Sasso). Molte sue montagne, però, superano i 2.000m. con ottime piste da sci e foreste rigogliose. L’Abruzzo è stata classificata quinta tra le dodici migliori regioni del Mondo per la qualità della vita. Essa.vanta il titolo di “Regione verde d’Europa“, grazie ai suoi tre parchi nazionali prima citati. All’interno delle numerose aree protette è custodito oltre il 75% delle specie animali e vegetali dell’intera Euopa continentale.

Economicamente, questa regione è la più ricca dell’Italia Meridionale. Inoltre è la regione in Italia con la più alta percentuale di investimenti fissi lordi.  E’ anche una delle regioni italiane col più basso tasso di mortalità per tumori, con poche emissioni di gas serra per abitante e con il maggior consumo di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili, nonché con la minore diseguaglianza nella distribuzione dei reddito. Inoltre, è tra le regioni italiane con ben 23 borghi presenti nel prestigioso club “I borghi più belli d’Italia“.

Quando il giornalista e diplomatico Primo Levi visitò questa regione, fu colpito dalla sua bellezza e dall’animo dei suoi abitanti, definendo l’Abruzzo “forte e gentile”. Quella citazione è da quel momento il motto della regione e dei suoi cittadini.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/0/0b/Yellow_flowers_at_Campo_Imperatore-1.jpg/220px-Yellow_flowers_at_Campo_Imperatore-1.jpg
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/7/7b/Vaj_di_Sangro.JPG/220px-Vaj_di_Sangro.JPG

 

Detail at Hermitage of Santo Spirito in Maiella

La regione presenta le vette più alte dell’Appennino peninsulare. I monti principali sono: il Gran Sasso  (2914 m), la  Majella (2795 m. ed altre 5 vette superiori ai 2.000m.)

La parte orientale della regione è prettamente collinare e di notevole interesse paesaggistico. Vi è un forte sfruttamento agricolo delle terre con produzione di olio di oliva e vino. La pianura invece occupa solo l’1% del territorio, massimamente nella parte costiera della regione per circa 131 km. Il litorale nella zona alta della regione è caratterizzata da larghe spiagge sabbiose o con piccoli ciottoli, dove, però, c’è una struttura alberghiera di alta qualità. A sud il paesaggio è piuttosto selvaggio, con presenza del trabocchi. Il mare abruzzese, però, è ai primi posti per l’assegnazione delle Bandiere blu i suoi litorali che soddisfano i criteri di qualità relativi sia alle acque di balneazione che ai servizi offerti.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/1/14/Grotte_del_Cavallone_08_%28RaBoe%29.jpg/220px-Grotte_del_Cavallone_08_%28RaBoe%29.jpg

Interno delle Grotte del Cavallone a Lama dei Peligni – sulla Majella

Il clima abruzzese è molto condizionato dalla presenza dei suoi Massicci montuosi, che dividono nettamente il clima della fascia costiera e delle colline da quello delle fasce montane interne più elevate; mentre le zone costiere hanno un clima mediterraneo con estati calde e secche ed inverni miti.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/2d/Italien_vicino_Majella_01_%28RaBoe%29.jpg/220px-Italien_vicino_Majella_01_%28RaBoe%29.jpg
Risultati immagini per le foto più belle di Chieti

 

Massiccio della Majella                                                                                         Un trabocco sul Costa tra FossacesiaSan Vito Chietino

Nelle aree interne lontane dalla costa le gelate sono frequenti ed intense con il termometro che può scendere molto al di sotto dello zero.

D’estate la continentalità delle zone interne meno elevate favorisce temperature elevate vicine ai 30°C. ma con scarsa umidità, mentre le zone più elevate presentano estati fresche. Le precipitazioni sono mediamente distribuite nelle stagioni intermedie e in quella invernale con un’unica stagione secca, quella estiva.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/29/Le_vette_sorelle_del_Monte_Velino_17_febbraio_2012.JPG/220px-Le_vette_sorelle_del_Monte_Velino_17_febbraio_2012.JPG
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/24/Abruzzo_campotosto.jpg/220px-Abruzzo_campotosto.jpg


Il monte Velino innevato

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/81/Pineto_-_torre_di_Cerrano.JPG/170px-Pineto_-_torre_di_Cerrano.JPG
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/b/b3/Rupicapra_pyrenaica_-_Tierpark_Hellabrunn-cropped.jpg/220px-Rupicapra_pyrenaica_-_Tierpark_Hellabrunn-cropped.jpg

 

Torre del Cerrano                                                                                                        Il Camoscio d’Abruzzo

L’animale simbolo della regione Abruzzo è senz’altro il camoscio. Ma anche l’orso bruno marsicano è un animale tipico della regione, assieme a lupo appenninicocervolincecapriolo, la volpe, l’istricegatto selvaticocinghialetassovipera e lontra.

Il turista che  trascorre le proprie vacanze estive in Abruzzo visitare le sue belle città e caratteristici comuni come Pacentro, San Vito Chietino, Vasto, Roccacaramanico, Bomba, Barrea, Roccascalegna, Pineto,  Santo Stefano di Sessanio, Rocca Calascio, Celano e tanti altri ancora, uno più bello e gentile dell’altro. Gode del suo bel mare e dei suoi laghi, nonché delle piacevolissime pietanze ed il magnifico vino e olio.

Detail at Hermitage of Santo Spirito in Maiella

Confrontare